•  
  •  

La primavera è una stagione fantastica: tutta la natura si risveglia e con lei i parassiti esterni di cani e gatti!

In realtà loro non dormono mai, perché spesso sono presenti anche in inverno, ma se durante la stagione fredda la necessità di utilizzare farmaci è utile solo in alcune condizioni, con il tempo mite diventa essenziale e quasi obbligatorio farne uso.

Il motivo per cui è necessario difendere i nostri animali domestici dai parassiti non è solo l’ovvia necessità di mantenerli puliti ed esenti da animaletti che potrebbero trasmettere loro malattie anche gravi, ma perché gli stessi potrebbero infettare anche noi umani e insediarsi nelle nostre case, diventando un problema davvero sgradevole.

Inoltre negli anni i parassiti, nonostante siano sempre gli stessi, sono mutati nelle loro capacità adattative, diventando di fatto, maggiormente resistenti ai farmaci e all’ambiente esterno.

E’ fondamentale dunque collaborare con il proprio veterinario al fine di attuare il protocollo più efficace per il loro controllo.

I parassiti che più frequentemente colpiscono i nostri pelosi, sono definiti ectoparassiti e possono essere sia acari (tra cui le zecche) che insetti, quali pulci, pidocchi masticatori e succhiatori, zanzare, mosche e flebotomi.

Le lesioni che possono provocare sono numerose:

  • lesioni cutanee,
  • reazioni immuno-mediate (allergie),
  • essere vettori di agenti patogeni (quindi portatori di altre malattie).

Inoltre possono essere:

  • portatori di zoonosi (malattie trasmissibili all’uomo),
  • essere fattore predisponente di altre malattie secondarie alle lesioni del parassita (infezioni batteriche o fungine con conseguenti dermatiti),
  • essere causa di dermatiti allergiche causate dalla saliva dell’ectoparassita (Dermatite Allergica da morso di Pulce DAP).

Ricordiamo poi, che pulci e zecche, possono tranquillamente mordere anche l’uomo con conseguenze potenzialmente molto gravi.


image-8952191-parassiti-cani_O2.jpg